Le Zeppole di Tiziano

La Pasta Choux

 

zeppole- pasticciotto

C’è una leggenda che racconta che San Giuseppe non fu solo un falegname. In un periodo della sua vita infatti, forse quando era in fuga per l’Egitto con Maria e Gesù, iniziò a vendere frittelle, tanto da accaparrarsi il nome di “San Giuseppe Frittellaro”. Una storia improbabile forse, ma tramandata nel tempo tramite racconti e filastrocche, una storia che ha dato vita ad una tradizione.

Le zeppole sono legate proprio a questo mito e il 19 Marzo, giorno di San Giuseppe e Festa del papà, riempiono le vetrine delle pasticcerie e le tavole di tutta Italia.

Un velo di zucchero spolverato su crema pasticcera e pasta choux croccante. C’è chi le preferisce fritte o al forno, chi le guarnisce con le amarene e chi con del cioccolato. La ricetta delle zeppole, di origine napoletana, ormai è entrata a far parte di tutta la tradizione Italiana.

 

 

Ingredienti per pasta Choux

Farina 00 150g 

Burro o Strutto 100g

Uova Medie 4

Acqua 250 ml

Sale fino un pizzico

 

Preparazione

Per preparare la pasta choux versate in un tegame l’acqua e unite il burro o lo strutto tagliato a pezzetti e un pizzico di sale fino. Lasciate che il burro o lo strutto si sciolga nell’acqua e di tanto in tanto mescolate con un cucchiaio di legno. Quando il composto sarà arrivato ad ebollizione, versare tutta la farina e continuate a mescolare.

 

ricetta 1- pasticciotto 

 

Mescolate fino a quando tutti gli ingredienti si saranno uniti alla perfezione creando un composto che si stacca dalle pareti del tegame. Successivamente ponete il composto in una ciotola capiente e fate raffreddare per qualche secondo. A questo punto, aggiungete le uova intere e impastate poco alla volta con il cucchiaio di legno. Mescolate fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo e cremoso.

 

 ricetta 2- pasticciotto

 

Versate il composto nella sac-à-poche con bocca stellata da 1,2 cm. Prendete un foglio di carta forno e create delle forme circolari a doppio giro dal diametro di circa 8cm.

 

 ricetta- pasticciotti

 

Cottura

Le Zeppole Fritte 

Per le zeppole fritte, versare l'olio di semi di arachide in una pentola e aspettare che arrivi a temperatura (non oltre i 170°). Una volta riempita la carta da forno con l’impasto, in base alla grandezza della pentola, tagliare la stessa carta in quadrati o in rettangoli intorno alle zeppole. Adagiare la carta da forno sull’olio (come da immagine).

 

ricetta 3- pasticciotto


 

Attendere qualche minuto; le zeppole inizieranno a separarsi autonomamente dalla carta (in ogni modo, potete aiutarvi con il supporto di una schiumarola). Una volta che tutte le zeppole si saranno staccate e facendo attenzione a non bruciarsi (ci si può aiutare con una pinza da cucina o con una forchetta), estrarre la carta forno dalla superficie dell' olio. Lasciar cuocere per qualche altro minuto e successivamente utilizzare ancora la schiumarola per girare le zeppole. Una volta che le zeppole si saranno gonfiate e dorate, fate colare l'olio in eccesso e ponetele su un vassoio rivestito da carta assorbente.

 

ricetta 4- pasticciotto

 

Non appena le zeppole si saranno raffreddate, potrete rifinirle con zucchero semolato o zucchero a velo e successivamente guarnirle con crema pasticcera e crema al cioccolato o amarene o con la confettura che preferite.

 

zeppole- pasticciotto 

 

Le Zeppole al Forno 

Per le zeppole al forno invece, seguire la stessa procedura iniziale. Porre la carta da forno in un vassoio e cuocere in forno ventilato, preriscaldato a 200°. Evitare di aprire il forno. Far cuocere per almeno 20-25 minuti sul ripiano più basso fino a quando le zeppole non saranno cresciute e diventate dorate. Trascorso il tempo di cottura spegnere il forno, aprire leggermente lo sportello e attendere qualche altro minuto. Estrarre poi la teglia e lasciar raffreddare.

Clicca qui: Per la crema pasticcera vi rimandiamo alla nostra ricetta  

 

Conservazione

Sarebbe meglio consumare le zeppole appena guarnite, è possibile però conservarle in frigo per 1-2 giorni.

Related Articles

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi richiesti sono evidenziati *